Friggitrice ad aria Kyvol, la recensione

friggitrice ad aria Kyvol recensione

Friggitrice ad aria Kyvol, pareri

PREMESSE
Faccio due premesse:

– Kyvol probabilmente un brand sconosciuto, ricollegabile ad una cinesata, invece non è proprio così. Hanno un loro sito ufficiale, pagine social, supporto in italiano con risposte molto veloci.Perché so tutto ciò? Perché ho preso da loro un robot aspirapolvere a circa 250 euro e dopo mesi ne sono ancora soddisfatto.

In verità sono un’azienda specializzata in robot piuttosto che in friggitrici ad aria, ma si stanno espandendo nel mercato con altri prodotti.

– Possiedo già una friggitrice ad aria da un paio d’anni, comprata qui su amazon e molto rinominata, perciò le mie opinioni sono anche frutto del paragone con questa.

CONSIDERAZIONI
Penso che negli anni i costruttori di friggitrici ad aria abbiano sempre migliorato la realizzazione di questo prodotto sia a livello estetico che funzionale.

– Prima caratteristica che balza all’occhio: il cestello ha il VETRO. Questa finestra che ti permette di vedere a che punto è la cottura è comodissima. L’altra che ho non ce l’ha. Questo significa che ogni volta devo aprire e chiudere il cestello per controllare la cottura. Aprendo e chiudendo si stacca la resistenza, quindi abbassamento della temperatura ecc.

– Ha quattro funzioni che i vecchi modelli non hanno: pre-riscaldamento, riscaldamento, scongelamento e disidratazione. Riscaldamento può tornare utile se per esempio non avete il microonde a casa. Scongelamento inutile parlarne. Disidratazione: possiamo anche essiccare la frutta anche se il processore dura almeno 6 ore e non so quanto ne vale la pena in termini di consumi.

– La potenza da 1350W è un giusto compresso tra efficienza e consumi. Non scenderei sotto a questa potenza su elettrodomestici di questo tipo.

– I programmi pre-impostati con temperatura e minuti sono tarati meglio rispetto ai vecchi modelli. Nella vecchia friggitrice finiva il timer che ancora le patate erano crude. Qui invece possiamo fidarci dei programmi pre-impostati. Li ho testati su varie pietanze e il rapporto temperatura e minuti è abbastanza preciso.

– Il ricettario è in italiano cosi come il manuale di istruzioni.

– Consiglio l’utilizzo di uno spruzzatore di olio. Alla fine almeno un filo d’olio ci va, però facendo cadere il filo d’olio questo non si cospargerà omogeneamente. Il problema si risolve con uno spruzzino per olio. Un paio di spruzzi e possiamo infornare tutto!

– Il display è ben visibile e i tasti touch e soprattutto la manopola è molto comoda ed elementare da utilizzare.

COSA CUCINO
– La carne? Si può tranquillamente cucinare. Le ali di pollo vengono benissimo però onestamente la uso poco per la carne perché quest’ultima non la friggo. Cioè utilizzo il fuoco o la bistecchiera per fare la carne.
– Patatine fritte? Si e sono buonissime con due spruzzi di olio. Nelle foto che ho fatto le ho tagliate a cubetti e diciamo che le ho fatte più come se fossero al forno.
– Calamari? Certo! Una bella frittura mista (che poi frittura non è) finalmente si può mangiare senza preoccupazioni. In questo caso il sapore non è proprio quello della frittura mista (quella non la batte nessuno) però viene fuori un buon prodotto, se pensiamo che stiamo cucinando un prodotto non pre-fritto e con una panatura di farina.

Comunque in linea generale la cottura è molto omogenea ed è possibile utilizzare la carta forno se state utilizzando ad esempio della pastella che potrebbe sporcare tutta la friggitrice.

In conclusione consiglio sicuramente il prodotto perché cucina in modo efficiente, perché Kyvol è un brand poco noto ma valido, e vedrete che tra non molto spopolerà su amazon, e infine perché ne giova la nostra salute…volete mettere a confronto un cucchiaio di olio rispetto a mezzo litro?

Se ti sono stato utile, ti chiedo di SUPPORTARMI SU AMAZON cliccando qui

5 comments

  1. Ho appena acquistato questo prodotto e vorrei sapere se esistono accessori tipo più ripiani da posizionare nel cestello . Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *